Laboratorio analisi con check-up, servizi ed esami specializzati.

TRIGLICERIDI

Descrizione Esame: TRIGLICERIDI


Vedi:


Campione: PRELIEVO DI SANGUE


Metodo: ENZIMATICO COLORIMETRICO


Consegna referto:  1gg


I Trigliceridi sono composti formati dalla combinazione di una molecola di glicerolo con tre molecole di acidi grassi.

Essi derivano soprattutto dalla

-> dieta e vengono introdotti con alimenti contenenti grassi (burro, olio, salumi grassi, formaggi grassi, carni grasse, ecc.) ed, in piccola parte sono prodotti dal

-> fegato, partendo da: glicerolo, acidi grassi, aminoacidi, glucosio, alcool.

Una volta introdotti con la dieta, o sintetizzati dal fegato, i trigliceridi vengono accumulati soprattutto nel tessuto adiposo e nel tessuto muscolare.

Essi, infatti, hanno la sola funzione di “scorta” per l’organismo, cioè non forniscono immediatamente energia (come il glucosio), ma vengono utilizzati solo nei momenti di emergenza:

-> aumentato fabbisogno energetico, come, per esempio, nell’intenso sforzo fisico,

-> scarso apporto di altre sostanze che possano fornire energia.

Una quota di trigliceridi è presente anche nel sangue, sottoforma di particelle di grasso (i chilomicromi e lipoproteine VLDL).

Quando i trigliceridi in circolo superano i valori normali (questo, generalmente si verifica diverse ore dopo l’assunzione di un pasto), il siero assume un aspetto lattescente, tipico della presenza di particelle di grasso.

Pertanto, per evitare che i valori di trigliceridi vengano falsati, SI CONSIGLIA DI OSSERVARE UN DIGIUNO DI 12-14 ORE PRIMA DI SOTTOPORSI AL PRELIEVO VENOSO.

Valori SUPERIORI alla norma, possono essere causati da:

-> abuso di alcol – diabete mellito – epatopatie – insufficienza renale – ipotiroidismo – obesità – pancreatite acuta – alimentazione ricca di grassi.

Valori INFERIORI alla norma, si possono riscontrare nei casi di:

-> anemia – assunzione di contraccettivi orali – gravidanza – ipertiroidismo – digiuno prolungato – malnutrizione.

Vedi sotto “Articoli e News correlati”.

Articoli correlati
ATEROSCLEROSI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.