Laboratorio analisi con check-up, servizi ed esami specializzati.

COLESTEROLO LDL OSSIDATO

Descrizione Esame:COLESTEROLO LDL OSSIDATO


Campione: PRELIEVO DI SANGUE


Metodo: ELISA


Consegna referto: 10 gg


 Il colesterolo, come tutti i lipidi, è poco solubile in acqua e, pertanto, per essere trasportato nel sangue, ha bisogno di legarsi a specifiche lipoproteine, tra le quali le più importanti sono le lipoproteine LDL (lipoproteine a bassa densità) e le lipoproteine HDL (lipoproteine ad alta densità).

La funzione principale delle lipoproteine LDL è quella di rifornire i tessuti periferici di colesterolo, legandosi ai recettori delle cellule e penetrando all’interno delle stesse.

Le lipoproteine LDL possono andare incontro a processi di ossidazione ad opera anche dei radicali liberi, trasformandosi in LDL ossidate.

Le LDL ossidate svolgono un ruolo primario nell’insorgenza e nella progressione dell’aterosclerosi, responsabile di malattie cardiovascolari (come l’infarto e l’angino pectoris ) di ischemia cerebrale su base occlusiva di arteriopatia periferica.

Le LDL ossidate, infatti, insieme ad altri fattori, quali elevata pressione sanguignaobesitàdiabetealti livelli di radicali liberifumoiperomocisteinemia, contribuiscono a provocare un danno o disfunzione dell’endotelio (tessuto che riveste la parete interna dei vasi) per un effetto citotossico che esercitano su di esso.

Il danno vascolare innesca un processo di tipo infiammatorio cronico, a livello dell’endotelio danneggiato, rappresentato, tra l’altro, anche dalla trasformazione dei monociti in macrofagi.

I macrofagi, dopo aver fagocitato le LDL ossidate, si trasformano in cellule schiumose.

Le cellule schiumose rappresentano il principale centro di accumulo:

  • di lipidi (colesterolo, trigliceridi, ecc.),
  • di sostanze che derivano dalla riparazione dei danni provocati dal processo infiammatorio (fibrinogeno, globuli bianchi, macrofagi, ecc.),
  • di elementi contenuti nel sangue (globuli rossi, piastrine, calcio, ecc.),

dal quale ha origine la formazione della placca aterosclerotica.

Le LDL ossidate, inoltre, per un effetto citotossico e/o fibrinolitico, insieme ad altri fattori, possono provocare la rottura della placca aterosclerotica, con conseguente liberazione in circolo di frammenti (trombi), potenziali responsabili di fenomeni embolici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.